Immagina che tutti abbiano chiaro il concetto di crisi;

 
Immagina che tutti capiscano che, da ‘sta cazzo di crisi, se ne debba uscire;

 
Immagina che con la crisi un po’ tutti debbano tirare la cinghia;

 
Immagina che ci siano posti dove la crisi si sente di più e altri dove si sente di meno;

 
Immagina che la crisi faccia male.

 
Che semini perfino morte e disperazione.

 

 

 

Immagina adesso che ci sia qualcuno che sfrutti la crisi;

 
Immagina che qualcuno agisca solo e soltanto per incrementare il profitto a discapito dei lavoratori;

 
Immagina che questi imprenditori possano far circolare i loro guadagni in modo lecito;

 
Quindi devi anche immaginare che il nostro governo indecente, aiuti questi delinquenti a commettere quello di cui sopra;

 
Immagina pure anche che il sindacato sia diventato una sorta di tampax del sistema;

 
Immagina che nemmeno la forma di protesta principale (leggasi sciopero) possa essere più attuata;

 

 
Immagina che non si stia parlando del 1850 ma del 2015;

 
Ora immagina che dalla crisi avremmo potuto uscire molto prima se solo lo Stato avesse attuato delle misure a tutela del lavoratore;

 
Immagina anche che quelli che oggi vengono definiti “contratti a tempo indeterminato” non siano dei “contratti a tempo indeterminato” ma delle pugnette alla “azzeccagarbugli”.

 

 

Insomma, immagina l’Italia di oggi.

 

 

Immagina, puoi.

 
Dopo aver raccontato questa storiella ad un amico messicano, egli ha così replicato: “Ojala se mueran los hijos de su puta madre”.

 
Caro imprenditore ladro che leggerai questo post, prontamente recapitatoti da qualche mio adorabilissimo lettore, immagina se al posto del calcio in TV i nostri ragazzi potessero raccogliere delle 7.65 come se fossero margherite.

 
Immagina quanto volentieri dialogheresti di fronte ad una canna rigata.

 

 

Ecco, a quel punto forse saresti in grado di diventare un imprenditore onesto.

 
Zoppo ma onesto, grandissimo figlio di puttana.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   

2 Comments

  1. kiro

    Rispondi

    Del resto, pero', è anche vero che se non cifossero imprenditori non ci sarebbero lavoratori.

    • Il Vetraio
      Rispondi

      In realtà è una questione di equilibrio.
      Tutto è una questione di equilibrio.
      E ti parlo da ex imprenditore.
      Esiste il giorno ma anche la notte.
      Esiste il medico ma anche l’infermiere
      Esistono gli ossidanti perchè esistono pure i riducenti.

      Non può essere che un imprenditore possa vivere sulle spalle dei dipendenti.
      Non può essere che la crisi venga messa solo a carico dei dipendenti.

      Non ho mai visto un Benetton con l’ago in mano.
      E nemmeno un Agnelli in catena di montaggio.

      Equilibrio.
      Tutta una questione di equilibrio.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.