Credo di non sconvolgervi se vi dico che c’è gente che freme per l’oroscopo del 2019.

Credo di non sconvolgervi se vi dico che hanno più efficacia previsionale le mie irsute vaginette.

Però è un fatto: la gente è attratta dalle previsioni e infatti merita solo di essere fottuta.

 

Questa è la storia di un’orgia che si svolge nelle prime ore del 2019.

Partecipanti:

“Il Brutto”

“Il Mutanda”

“Il Parrucca”

“Il Meglio”

e lei

“Romina” che è un nome d’arte datole tanto per non svelare che è la moglie di un politichetto di quartiere che si perde tra leggi e decreti, mentre sua moglie va di mono come un KTM del ’74.

 

Il teatrino parte quando il Brutto, rompendo quegli indugi di cui non è mai stato affetto, offre un’alternativa allo spumante, alla giovane porcellina.

E lei, senza pensare agli indugi rotti dal Brutto, si china.

Si china, senza dimenticare di spostare la mutandina, perché Romina, questo è il nome della vagina, succhiando la cremina, si sposta la mutandina in attesa della giusta pecorina.

È un fatto.

Melius est pecorina quam medicina.

E il Mutanda, vedendo spostarsi sua cugina (la mutandina) nemmeno si pone inutili domande, spingendo il di lui birillo dritto in vagina.

Beh, oddio.

Proprio dritto dritto in vagina non credo, visto che l’occhiolino del marrano, per un attimo ha fatto pensare ad una breve incursione nell’ano.

Senza peraltro che Romina proferisse nessun dolorante gemito, e anzi reagendo alla proposta del Parrucca con un tremito.

Il Parrucca, vedendo il quadretto così formato, ha infatti proposto l’occupazione del buchetto dimenticato.

E così, festeggiando il nuovo anno, la caprettina godeva e beveva seme come una di Forza Italia in campagna elettorale, tra gli applausi del pubblico presente, pagante e non.

Previsione ovvia per il 2019:

Il Meglio deve ancora venire.

 

Vaginetta di oggi.

 

RSS

2 Comments

  1. Rispondi

    Questa de oggi c'ha l'aria un po' triste per via che er parrucca nun sa fila pe gnente o de pezza per chi ama er dialetto

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.