Non ho mai cullato fortissimi sentimenti europeisti.

Ma non per convinzioni pessimistiche nei confronti dei princIpi europeisti, bensì per l’eterogeneità delle entità che la compongono.

Oggi invece la penso nello stesso modo.

 

I fatti:

c’è la Polonia;

la Polonia ha un premier;

Il premier è uno con un nome che ometto, ma che coincide evidentemente col suo codice fiscale;

il premier di cui sopra deve governare la Polonia, sennò non sarebbe un Premier, bensì un culo;

durante le sue attività di governo, gli viene fatto presente che la sua interpretazione di “stato di diritto” è abbastanza discutibile;

lui, il premier si offende;

e per non sembrare proprio un culo, decide di dire la sua in modo pacato e diplomatico.

Ecco la sua posizione: “Se la Commissione UE avvierà la terza guerra mondiale sul tema del rispetto dello stato di diritto, ci difenderemo con tutte le armi a nostra disposizione”.

Minchia! Si sente lo spessore di un premier quando è premier davvero!

E questo non è il suo caso, iscrivendolo di diritto sul libro dei culi.

Quei culi dalla loffa facile, tipo.

 

Piccoli promemoria al polacchissimo premier culo:

la Polonia ha avuto un minimo di popolarità solo perché ha dato i Natali ad un Papa e a un sindacalista un attimo più capace di Landini;

landini CGIL, non Landini trattori diobon;

la Polonia non ha nulla;

la Polonia non è nulla;

la Polonia ai giovani offre molta moltissima eroina e qualche rapa psicotropa;

la Polonia sta ancora cercando il modo di usare le vocali con un minimo di senso;

la Polonia non è né carne né pesce, né cereali, né legumi;

la Polonia è meglio che sorvoliamo sulle vaccinazioni;

la Polonia e le badanti tuttofare, baciare, lettera o testamento;

la Polonia patate lesse e salame ungherese, che ti vada bene.

 

Caro culo premier, prima di pensare alla terza guerra mondiale, dovresti rispondermi ad una sola domanda: “Qual è, se esiste, il solo unico, indiscutibile motivo che ti ha portato ad aderire alla famiglia europea, anche se la tua gente non ha ancora capito come tagliarsi i capelli senza usare una tazza di terracotta?”.

Ossequi.

 

Vaginetta del giorno:

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   

2 Comments

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.