PROBLEMI

Problema 1: Anna compra 10 mele. Quante mele mangerà?

Soluzione: Se Anna non è deficiente comprando mele così alla cazzo di cane, verosimilmente mangerà tutte le mele acquistate.

 

Problema 2: Anna compra una cassetta di mele, contenente 24 frutti. Una di queste mele è evidentemente marcia. Quante mele mangia Anna?

Soluzione: Diciamo subito che inizio ad avere dei dubbi sulla dieta di Anna.

Detto questo, è facile capire che prenderà la mela marcia, la butterà e mangerà le restanti 23 mele.

 

Problema 3: Anna compra una cassetta di mele, contenente 24 frutti. Questa volta le mele sono 12 di colore rosso e 12 di colore verde.

Le mele marce sono 8 ( 7 verdi e 1 rossa).

Quante mele mangia Anna?

Soluzione: Anna deve essere una fruttariana di merda e come tale, dovrebbe morire di stenti. Siccome però compra le mele da un mio amico che organizza spesso grigliate a casa sua, in compagnia di tantissime puttane rumene, non si tocchi Anna.

Detto questo, mi pare ovvio che Anna identifichi le 8 mele marce, le prenda in mano e le lanci addosso al mio amico che, mi pare chiaro, non essere onestissimo.

Lo dicono perfino le puttane rumene.

Quindi mangerà 24-8= 16 mele, sufficienti a farle venire una fiatella orrenda.

 

 

Problema 4: Anna compra una cassetta di mele, contenente 24 frutti. Anche questa volta i frutti sono 12 rossi e 12 verdi.

Non ci sono mele marce ma in compenso, il mio amico fruttivendolo ha nascosto all’interno di tre frutti, altrettante lamette da barba in modo assolutamente invisibile.

Non si vede nulla.

Ve lo garantisco perché l’ho aiutato pure io.

Al momento dell’acquisto, Anna viene informata ma compra lo stesso (Anna è strana)

Quante mele si mangerà Anna?

 

Soluzione: che Anna sia un tantino strana, non ci vuole molto a capirlo.

Ma essere strani, non necessariamente implica essere completamente idioti.

Il rischio di addentare una mela contenente una lametta è enorme.

È vero che il calcolo delle probabilità vorrebbe che Anna tentasse di mangiare qualche mela senza dover ricorrere alle cure dei sanitari, però chi cazzo glielo fa fare?

Anna prenderà tutte le mele, verdi e rosse che siano, e il relativo contenitore, e lancerà tutto direttamente dalla finestra, assicurandosi che nessuno (persone e/o animali) possa cogliere l’occasione per farsi venire la sua stessa agghiacciante fiatella.

Ovviamente Anna non dirà che sia colpa delle mele rosse.

E nemmeno che la colpa sia di quelle verdi.

Sarà consapevole che mangiare mele sia pericoloso e non ne comprerà più.

Stop.

 

 

Morale:

il mondo musulmano antepone la religione alla logica.

Il mondo musulmano raggruppa un notevole gruppo di reietti socialmente.

Quando associate queste due cose, avrete un enorme numero di “mele contenenti lamette da barba” e questo implica notevole rischio.

Non esiste nessuna intelligence, nessuna polizia, nessun esercito in grado di prevenire questi attacchi.

Non esiste nessuno in grado di sapere dove avverranno.

Io credo che sia arrivato il momento di aprire la finestra e di lanciare via tutte le mele.

Tutte.

Prima e seconda generazione.

Via.

Smetterei i rapporti commerciali con quella gente e lascerei che il tempo li facesse maturare.

Per fare questo occorre che i nostri governi attuino corrette politiche energetiche, corrette politiche sociali, misure di sicurezza e decapitazione dei buonisti (impossibile per ovvi motivi – ndr).

 

E ora affanculo Anna, le sue mele e tutti coloro che sostengono le logiche di integrazione.

W la F..!  (Non era France, era Figa!)

 

tumblr_o6g3y6g8o41usehm9o1_1280

UGUALI UN CAZZO

Adesso è difficile spiegare ai lettori occasionali che non sono un omofobo.

 

Eppure, se avranno la pazienza di andare a scartabellare tra i post, lo verificheranno.

 

Però è necessario che io oggi metta dei sacrosantissimi puntini sulle “i”.

 

E anche sulle “u”.

 

Tutto nasce a seguito di questa minchiata postata su FB:

facchinetti

Io non intendo discriminare, non colpevolizzo, non addito, non svergogno, non rifiuto, non disturbo i gay.

 

Non lo faccio perché sono visceralmente convinto che:

  1. fino a quando non metteranno nel loro mirino il mio buco del culo, io non ne avrò problema alcuno (e nemmeno loro);
  2. più si palesano, meno cagate combinano in termini comportamentali (si, parlo del clero);
  3. più si ingrumano tra di loro, meno concorrenza esiste (cazzo tuo, figa mea);
  4. il mondo ha bisogno di una sfoltita e, visto che la natura non ha ancora previsto nulla in tal senso, non dovrebbero procreare. Credo.

 

Detto questo, dove risulta chiaro che non nutro il minimo sentimento collerico o fobico nei loro confronti, dico anche che:

a) molti di loro sono discriminati perché tengono atteggiamenti equivoci e palesemente provocatori, nei posti sbagliati (chi di voi ha visto un gaypride, sa a cosa io faccia riferimento);

b) se conducono una lotta per il riconoscimento dei diritti gay, significa che si identificano come tali e non possono sperare che io sia come loro;

c) non possono sperare che io mi senta come loro per integrarli;

d) io sono io, e loro sono loro.  Io apprezzo la figa e loro il cazzo.

e) rileggere i punti c et d fino allo sfinimento

 

Caro Facchinetti, io non sono come te.

 

Io non sono come i Musulmani.

 

Io non sono come Berlusconi.

 

Io non sono altro che il sottoscritto.

 

E a me piace questa robetta qui:

 

tumblr_o52kjb39N61usehm9o1_540

TESTO CHIARIFICATORE

Se vai con una donna con la quale:

 

non hai intesa sessuale;

non hai intesa culturale;

non hai intesa alimentare;

non hai intesa in termini di gusto;

non hai intesa comportamentale;

non hai intesa su un cazzo di niente,

capirai in tempi brevissimi che sia molto meglio lasciar perdere.

 

In caso contrario, da qualche parte uscirebbe sangue.

 

O fumo.

 

Non c’è chi ha ragione e chi ha torto: c’è semplicemente un punto di contatto tra mondi che non è bene lo siano.

 

A contatto, intendo.

 

Non capisco allora il perché ci si ostini a cercare di plasmare il mondo arabo e viceversa.

 

Sono semplicemente due mondi che andrebbero tenuti se-pa-ra-ti perché al mondo  non siamo tutti uguali.

 

Al momento non lo siamo e occorreranno generazioni per raggiungere i criteri minimi di convivenza.

 

Il resto son pugnette.

 

A proposito:

 

CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 80