IL MIO CORONAVIRUS #21

Le masse sono agitate.

Le masse iniziano a palesare la loro lista di priorità.

Le priorità delle masse sono nette: calcio e denaro.

I governatori delle regioni con i livelli culturali più bassi, come quella in cui vivo, invocano a gran voce la riapertura delle aziende.

Occorre lavorare.

Produrre.

Gridano al fascismo!

Quando hanno finito di gridare, lo fanno da capo.

Fascismo.

Vedono fascismo ovunque, proprio perché non sanno cosa sia.

Le fake news dilagano, proprio perché attecchiscono facilmente nei cervelli semplici e nelle culture assenti.

E gridano, gridano e gridano.

 

Ma lo fanno da sani, senza contagio per sé, né per i loro familiari più stretti.

Basterebbe che il virus li toccasse, per farli gridare l’esatto contrario di ciò che avevano gridato fino a tre secondi prima dell’esito delle analisi. 

 

La vaginetta di oggi è costei: