Chi sono

Il Vetraio, 102 anni di Vicenza. Libero grazie all'indulto, proseguo la mia attività terroristica ai danni di produttori di caffè, martinetti idraulici, lampadari in stile e cartoon nipponici. Facilmente riconoscibile da un piccolo neo appena sotto allo scroto. Non li, più a destra! Ecco, esattamente lì.

Disclaimer

Questo blog non è una testata giornalistica e vorrei vedere in faccia chi ha il coraggio di dire il contrario.

Statistiche

  • 0
  • 0
  • 0
  • 136
  • 65
  • 131.314
  • 30.906

IN MOCC’ A MAMM’T

Oggi non è stata una giornata positiva.

 

Avete presente quelle giornate nelle quali se ti cadesse l’uccello, rimbalzerebbe al suolo per infilartisi nel culo?

 

Ecco, una di quelle.

 

Che poi, inizio veramente a pensare alle congiunzioni astrali.

 

Ma porcatroia,  congiungetevi senza rompere il cazzo alla gente, no?

 

Come potete ammettere che un povero blogger si svegli col mal di testa?

 

Come potete permettere che il blogger di cui sopra possa leggere su FB di un disabile che si lamenta per aver preso una contravvenzione per aver parcheggiato in sosta vietata?

 

Come potete permettere che il blogger, pensando che il mondo potesse migliorare, abbia avuto la brillante idea di ricordare al tizio che il codice della strada e la disabilità sono due cose diverse?

 

Come potete permettere che il disabile sostenga la tesi che la multa avrebbe dovuto essergli cancellata perché lui portatore di handicap e loro bastardi vigili di merda??

 

Ora voi lo capite no?

 

Già sapete cosa io stia per enunciare.

 

Io credo sia il caso di dare una definizione:

DEFINIZIONE: dicesi Italia, una repubblica fondata sul lavoro (dei cinesi) che elegge i propri rappresentanti (non sempre) attraverso delle votazioni chiare e precise (vedasi il testo del quesito della prossima votazione).   L’Italia è Patria degli italiani, i quali non sono nemmeno parenti degli italiani che la fondarono.  Quelli di oggi sono molto peggiori di chi li governa. Infatti, la corruzione e la propensione a fottere il prossimo, nella gente comune è molto maggiore.  L’Italia è un Paese decadente che merita di essere la frizione tra l’Africa e i Paesi del nord. L’Italia non ce la può fare, proprio a causa degli italiani.

 

In compenso la giornata è finita con una lite con una napoletana che mi ha dato del pazzo per aver associato Napoli alla delinquenza, al disordine e al degrado.

 

E come tutti voi sapete, Napoli è la Stoccolma del mediterraneo…

 

Meglio dedicarsi alla vaginetta, va’:

 

700full-

CARA, SEI FEMMINILE COME UN CANDELABRO

Piccola riflessione post-prandiale.

 

Dato per assodato che la moda rispecchi molto lo stato d’animo della società, è quasi ovvio vedere le vaginette vestite in modo poco fantasioso.

 

In fin dei conti credo che la fantasia sia una delle doti più sacrificate dal moderno lifestyle.

 

E quindi ci dobbiamo sorbire tutte vaginette che trattano il colore come un nemico.

 

Blu, nero, grigio, senza dimenticare il doveroso omnipresente “melanzana”, che porcatroia è pesante come i peperoni.

 

Nel frattempo la Lorenzin lancia la campagna del “Fertility Day” quando secondo me dovrebbe lavorarla.

 

Vaginetta scacciapensieri:

 

720full-

 

IO VAGINETTA DEL VETRAIO

Non vi sembra il caso di ampliare la panoramica di vaginette che addolciscono i miei post?

 

Perché dare spazio solo a soubrette che hanno tutto da invidiare alla nostra sana, naturalissima femmina italiana?

 

La mia proposta è semplice: vuoi essere una vaginetta di “Ilvetraioblog”?

 

Invia i tuoi scatti rispettando queste piccole regole:

 

  1. inquadra solo l’ascella/ascelle, se sei timida o se hai la faccia da rinoceronte;
  2. occulta il volto se non vuoi essere vista in tutto il mondo (se invece non te ne frega un cazzo, specificalo nella mail);
  3. controlla più volte che l’area inquadrata non sia depilata, altrimenti sbocco;
  4. usa ironia e fantasia perché di bacchettoni ce ne son fin troppi;
  5. non inviare foto di vagine, culi, ginocchia e tette rifatte che tanto sapete non sortire effetti sulla popolazione vetraia.

 

Se sei una trans o un culattacchione, invia tutto a www.nonmipiacelavagina.com

 

Impegnatevi un pochino, che qui ci si diverte!

 

Vi amo.

 

Esempio notevole che vi invito a surclassare:

 

140619_MayaFelix_CF009645

RAGGI DI SPERANZA

Alcuni esempi di demenza:

 

Bocelli che chiede in regalo un orologio da polso al quarzo;

 

Salvini che legge un saggio di filosofia senza che quest’ultimo riesca a non sputargli;

 

Un cammello che si incazza perché non riesce ad inculare una talpa (anche se ad onor del vero, la talpa gli sorride ammiccando);

 

Gigi d’Alessio che canta a casa mia;

 

Ratzinger assunto da telefono azzurro;

 

Il debito pubblico che cala con la classe politica attuale;

 

Giorgio che presta a Gino 5€ che non ha.

 

E adesso chiedetevi cosa io ne pensi delle Olimpiadi a Roma.

 

La vaginetta di oggi è costei:

 

juliette lewis

PERSONAGGI FB

Occorre prestare attenzione ad un altro aspetto tipico del pianeta FB: i personaggi.

 

I personaggi sono delle schegge impazzite provenienti dall’insieme degli antropomorfi, che si propongono alla fauna FB con serie di video studiati ad hoc per la notorietà.

 

Solitamente trattasi di figure aventi dei caratteri grotteschi (alcuni hanno la parlata effeminata, altri con accenti violentemente del sud, altri palestrati oltremodo ma incapaci di formulare un pensiero…)che riescono ad innestarsi tra le pieghe cognitive dei soggetti più boccaloni.

 

Hanno il grosso vantaggio di parlare in modo semplice e di rendersi comprensibili alle masse.

 

Hanno anche il grosso vantaggio di formulare dei pensierini talmente banali che un mattarello da pasta in confronto sembra un docente di storia dell’arte.

 

Ovviamente, non appena raggiungono una certa popolarità, cosa faranno mai i media?

 

Taaac, che te li propinano mattina, mezzogiorno e sera, mantenendo il magma di ascoltatori, perfettamente lobotomizzato.

 

E il problema non sarebbe nemmeno tanto grave se i personaggi si limitassero ad affrontare argomenti leggeri, di lifestyle o qualcosa di inerente alla preparazione della amatriciana.

 

E invece si avventurano su argomenti di spessore, che ovviamente non sanno affrontare.

 

O meglio, li affrontano di merda.

 

E cosa succede quando fai affrontare un argomento a chi lo ignora completamente?

 

Taaac, che scatta il merdaio!

 

Merdaio che raggiunge gli orecchi delle masse per trasformarsi in megamerdaio.

 

E allora palle sulla sfericità della terra, sul riscaldamento globale, sulle scie chimiche, sull’erosione delle spiagge, sul referendum e sul corretto uso del goldone.

 

E taaac, svelata l’origine del problema: il mancato uso del goldone.

 

La vaginetta di oggi, sicuramente di cultura tecnica, ci spiega come solleverà il nostro pisello senza nemmeno sfiorarlo.

 

Newton-galllery-nerospinto

VINCERE A MANI BASSE

Ho scoperto un nuovo piacere riservatomi dalla vita: vedere alcuni miei commenti, peraltro apprezzati dalla collettività, essere eliminati senza nessun motivo dal moderatore di una discussione.

 

Parlo di commenti assolutamente casti, non certo in linea con quello che, molto più realmente, leggete qui.

 

E questo evidenzia alcune cose:

  1. il destinatario (o destinatari) delle mie forbite invettive, pur non essendo mai stati nominati, si sono riconosciuti nel quadretto;
  2. il destinatario (o destinatari) non hanno avuto argomenti per contrastarmi;
  3. Il destinatario (o destinatari) sono andati a fare pressione sul moderatore;
  4. Il moderatore conosce il regolamento come io salto con l’asta;
  5. l’uso della lingua italiana, per alcuni è solo un desiderio.

 

Le vaginette di oggi sono terapeutiche e intendo dedicarle a tutti coloro che, per innestarsi in modo corretto con la società, dovrebbero scopare un tantino di più.

 

Eppagateviunatroiacazzo!.

 

pulmino

VA IN FIGA DE TO MARE!

Mi sfugge il principio in base al quale un qualsivoglia soggetto politico, pur di recitare la parte di colui che milita tra le fila dell’opposizione, si senta autorizzato a dire di no a tutto.

 

Il NO è un arma micidiale che non deve essere inflazionata.

 

C’era una volta una tipa con la quale avevo questo problema.

 

“Facciamo l’amore?”

“No”

“Facciamo Petting?”

“Non so cosa sia, ma NO”

“Se tu avessi saputo cos’è, lo avresti fatto?”

“NO”

“Facciamo il gioco dello scombriccio?”

“E cosa sarebbe?”

“Quel gioco che tu ti chini e io ti infilo il ciccio”

“NO”

“Dormiamo?”

“NO”

“…..?”

“NO”

“Va in figa de to mare! Me ne trovo un’altra!”

“Ecco sei il solito bastardo materialista, approfittatore, egoista e altre cose che pronuncerei volentieri se tu non mi avessi piantato una pallottola sulla fronte…”.

 

La vaginetta di oggi è una che la parola NO, non sa nemmeno cosa sia:

 

tumblr_mjbalcs17Y1ref65mo1_540

MA CAPISCI O NO?

Non dovreste preoccuparvi per il referendum.

 

Non dovreste preoccuparvi per l’immigrazione clandestina che serve per arricchire i soliti ladroni.

 

Non dovreste preoccuparvi nemmeno della Corea del Nord che sgrappola bombe atomiche con la stessa semplicità con cui suor Carla sgrappola le palle di don Tiziano il rosario.

 

Ecco, forse dovreste preoccuparvi se vostra moglie dovesse occupare ogni santo secondo libero della sua vita, per navigare su internet, perché verosimilmente non siete gli unici ad inumidire il suo buco della pipì!

 

Forse dovreste preoccuparvi se vostra figlia rientrasse alle 5 della mattina con rotoli da 50€ e svariate scatole di profilattici vuote, perché evidentemente avrebbe appreso le regole del business da qualcuno che non siete voi.

 

Ma la cosa di cui preoccuparsi maggiormente è che la stragrande maggioranza degli italiani non sa leggere / comprendere un testo;

non sa leggere le figure retoriche

non sa leggere i doppi sensi

 

e questo li porta a scrivermi in privato ringraziandomi per la mia battaglia contro la peluria femminile, diogato!

 

La vaginetta di oggi, squisitamente naturale come solo le femmine sono, è costei:

 

tumblr_nrr4ixsIi31tiqcmgo1_1280

TERAPIA DI COPPIA

Riflettevo sull’atteggiamento collettivo riservato alle coppie in difficoltà.

 

Tutti (tranne che di mezzo non ci sia qualcuno interessato al pene o alla vagina in gioco – ndr) cercano di riavvicinare i litigiosi colombini.

 

E io invece credo sarebbe necessario fare il contrario.

 

Perché trattasi pur sempre di un processo di saturazione.

 

E la desaturazione si raggiunge solamente con la temporanea sospensione dell’agente saturante.

 

Solo a quel punto sarebbe possibile stabilire se c’è qualcosa da salvare o meno.

Perché è la distanza che innamora o libera.

 

Vaginetta odierna:

 

tumblr_nx1fbgf30X1se6ghyo1_1280

MOMENTO SIMPATICAMENTE CRETINO

Momento goliardico.

 

Volevo riportarvi alcuni proverbi che mi fanno ridere.

 

Partirei col famoso, sempreverde e attualissimo “Rosso de sera, mal de testa de matina”.

 

Perché tutti voi possiate capire, li scriverò in italiano.

 

“Cane che abbaia, rompe i coglioni”;

“Chi fa da se, ci mette più tempo”;

“Occhio non vede, allora è di vetro”;

“Chi va piano, arriva dopo”;

“Chi dorme, lo fa perché ha sonno”;

“Culo che caga, non c’è oro che lo paga”;

“Gallina vecchia, mangiatela tu!”;

“Nella botte piccola, ci sta poco vino”;

“Donna nana, non ha bisogno di inginocchiarsi”.

 

E io confesso che non è farina del mio sacco, ma che mi ha fatto ridere tantissimo.

 

Vaginetta tutta per il sig Kiro:

 

tumblr_nzqqvvg6X31v2vq0oo1_1280

Bla bla bla…

Archivi