C’è chi va a Jesolo a pescare stronzi col retino, chi guarda film in coreano sottotitolati in serbo e chi corre alla finestra a guardare cani che si sbranano.

Io odio Jesolo e i coreani.  Anche i serbi però.

Da giorni tutti i cani del quartiere si ostinano a ballarmi il tip-tap sui coglioni.
Evidentemente c’è qualche femmina in calore.
Che ci volete fare?  Ognuno ha i cani che si merita.
Voi avete i berluscones e io ho i cani.  (adesso mi fate un attimino di pena)

Devo dire che avvengono dei combattimenti furiosi.
A volte tra più di una dozzina di elementi dove si intrravedono anche alleanze tra singoli e scontri tra clan.
Insomma, meglio del film coreano.

Oggi però ho assistito a qualcosa che ignoravo.
Ho sentito uno strano abbaiare.  Cadenzato. Collettivo.
Non un combattimento.
O meglio non si ringhiava.
Quello che ho visto è questo:
Sei cani maschi divisi in due gruppi di tre, che si fronteggiavano a circa 2 metri di distanza.
Non facevano altro che abbaiare in modo sincrono ma non si azzannavano.
Solo casino, per dirla.
Tra i due gruppi, una femmina con due maschi che la montavano.
Si, contemporaneamente.
Un figaculo50euro.

E, com’è noto non è che si stacchino così facilmente.

E la cosa è andata avanti molto.
Quasi come un film coreano.

RSS

4 Comments

  1. Rispondi

    ma ‘sti cani, li sente e li vede qualcun altro oltre te?
    cani peraltro da applauso. secondo me alla fine del ménage à trois, so’ andati a fa paga’ il biglietto ai sei che ululavano e guardavano.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.